Infedeltà

Infedeltà

L’infedeltà sarebbe legata all’età. Un’indagine, fatta su 1.000 persone in Inghilterra mette in guardia le coppie di determinate fasce d’età, che sono più inclini all’infedeltà rispetto ad altre. E questo sarebbe valido sia per le donne che per gli uomini. Secondo gli autori di questo studio, le persone in una relazione hanno maggiori probabilità di tradire il proprio partner durante l’ultimo anno di un decennio, vale a dire a 19 anni, 29 anni, 39 anni, 49 anni e 59 anni. E ancora secondo questo sondaggio l’età più pericolosa per le coppie è 39 anni.

Perché i rischi di infedeltà sono maggiori in questi periodi?


L’ultimo anno di ogni decennio segnerebbe un punto di svolta nella vita delle persone che vede il prossimo decennio avvicinarsi rapidamente. Le persone in coppia potrebbero quindi essere alla ricerca di “nuove emozioni”, e alla ricerca di nuove emozioni.
39 anni, l’età di tutte le infedeltà? Anche secondo questo studio la quarantena sarebbe un periodo difficile per molte coppie, che potrebbero mettere in discussione tante cose e talvolta perdersi. Gli utenti di Internet hanno anche fornito il motivo o i motivi che li hanno portati a essere infedeli:
Per il 76% sarebbe la “mancanza di eccitazione in camera da letto”
Per il 54% “si è presentata un’opportunità”
Per il 46% era perché erano “annoiati dal loro attuale partner”
Per il 28% è perché “si sono riconnessi con una vecchia fiamma sui social”
Per il 22% era per voglia di “cambiare”.

A questo proposito in questi giorni mi é successa una cosa che mi ha fatto ripensare a questo studio. La mia collega di soli 24 anni é stata tradita dal compagno quasi marito. Parlando riflettavamo sul fatto che lui le avesse rinfacciato il fatto di essere distante in un periodo in cui lei oltre a lavorare studiava per l’equivalenza del suo diploma e si occupava della casa e di lui nel tempo che restava. 
Capite che le sua mancanze erano anche sessuali. E mi chiedo proprio se l’uomo non riesce a restare fedele solo per un bisogno fisico. Cioè, nonostante lei parlasse con lui di questo suo periodo complicato quest’ultimo ha comunque trovato opportuno tradirla.Ce la siamo fatta tutti questa domanda prima o poi nella nostra vita amorosa.

“Ma perché alcune persone oltrepassano il confine che separa la fantasia dalla realtà? “


Nell’urgenza di soddisfare questo desiderio intervengono molte variabili. Certo, c’è il desiderio che ribalta tutto sul suo cammino. Ma siamo spinti anche da correnti intime legate alla nostra storia personale che ci portano a fare il grande passo del tradimento.

Per alcuni è impossibile conciliare sentimenti e sesso nello stesso essere.

Devono dividere: “Dove amano, non desiderano; e dove desiderano, non possono amare”.

Alcuni uomini e alcune donne non sono in grado di conciliare i due aspetti della sessualità con la stessa persona: l’abbandono dei sensi e la moderazione necessaria per l’ideale. Alcune cose vanno bene, altre no. La rappresentazione mentale viene dall’infanzia: l’infedele ripete con nella realtà ciò che immagina delle relazioni amorose dei genitori. Da qui una tale frustrazione che interviene con l’amante. Nevrotico ossessivo, fa l’amore con dignità con la moglie o con il marito, e lo ama tanto più perché sguazza nell’infedeltà.

“I sistemi che gli ossessionati forgiano lusingano la loro autostima, con l’illusione di essere uomini migliori degli altri, poiché sono particolarmente puri e coscienziosi”, definisce Freud .
Qualunque sia la configurazione di una storia, il peso del passato non esclude l’incontro, spiegano gli psicoanalisti. E, in questo caso, l’infedeltà fa parte della verità di un desiderio.

Spesso agiamo anche per non dirci “Ho sbagliato la storia d’amore che sto vivendo” e per trasformare in azione ciò che rifiutiamo di ammettere e di dire a noi stessi. Potrebbe anche essere un grido di aiuto.

CONCLUSIONE: “POVERO A CHI CAPITA!” diceva mia nonna.

SEGUI DISTANTI MA UNITE

Non dimenticarti di seguire le nostre pagine social Facebook e Instagram.
Se ti è piaciuto l’articolo lascia qui di seguito il tuo commento e partecipa al nostro sondaggio, perché: La tua opinione conta.

Anna Piccolomini

Come si chiama mamma? Piccolomini Anna Grassa o magra ? Grassa Bassa o alta?alta Cosa le piace mangiare? Pasta e anche un po' di gnocchi Come le piace vestirsi? Bene Quanti anni ha? 3 come me Quale regalo vorresti fare alla mamma? Una macchina telecomandata Chi ama la mamma? Io e non papà Cosa fa la mamma? Sta con me e Leonardo Di cosa ti parla sempre la mamma? Di non dire brutte parole Dove vuoi viaggiare con la mamma? Alla scuola e all'asilo Cosa vuoi fare da grande? Accompagnare un bimbo all'asilo Di cosa ha paura la mamma? Di perdere il bus Cosa le piace alla mamma? Mangiare Cosa fa arrabbiare mamma? Quando lancio le macchine e dico brutte parole Ecco come mi vede mio figlio. Mi descrive di sicuro come una donna sposata con due figli che lotta ogni giorno per lavorare nel sociale. Vivo a Lussemburgo ma sono anche originaria di questo Paese e per metà pugliese. Amo il rosa da sempre e mamma dice che ho una classe innata. Amo osservare e mi lascio andare solo con le persone che amo. La mia prima impressione è sempre quella giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *