Il Lussemburgo e le vaccinazioni anti Covid-19

Il Lussemburgo e le vaccinazioni anti Covid-19

La situazione negli ospedali, così come dicono le cifre, é buona e questo dimostra che la strategia degli ultimi mesi e il rispetto delle norme sanitarie hanno un impatto positivo sull’evoluzione della pandemia. Tuttavia, il tasso di incidenza e le analisi delle acque reflue indicano che sta emergendo una tendenza verso un leggero aumento. Le varianti del coronavirus che danno tanto fastidio alla vicina Mosella, restano grandi incognite e il sequenziamento effettuato in Lussemburgo mostra che la diffusione del virus potrebbe aumentare da un momento all’altro. Di conseguenza, il governo preferisce mantenere una posizione preventiva e ha deciso di prorogare le attuali misure fino al 14 marzo compreso. Il disegno di legge in questa direzione è stato presentato alla Camera venerdì .

Le vaccinazioni


Se il Lussemburgo riceverà le consegne delle dosi promesse per le prossime due settimane, la fine della prima fase di vaccinazione e l’inizio della seconda fase si sovrapporranno per non perdere tempo. La seconda fase comprende tutte le persone con più di 75 anni che non vivono in strutture di assistenza o case di riposo. Per accoglierli apriranno altri centri di vaccinazione, annuncia il ministro della Salute. Paulette Lenert spiega che oltre all’attuale centro di vaccinazione nella Hall Victor Hugo in Lussemburgo, i centri Esch, Ettelbruck e Mondorf apriranno più o meno contemporaneamente. Obiettivo del Ministero della Salute: Vaccinare 3.500 persone a settimana.
Quasi 5.000 persone molto vulnerabili (malati di cancro, che hanno ricevuto una donazione di organi o che hanno la trisomia 21) saranno vaccinate anche nella seconda fase che si svolgerà negli ospedali. Se tutto va come previsto, gli inviti a vaccinarsi  verranno spediti a metà della prossima settimana e se ci saranno le dosi richieste le vaccinazioni partiranno il 22 febbraio. Gli inviti alla vaccinazione verranno inviati non appena arriveranno I vaccini e la gente avrà una settimana per fissare un appuntamento.

Il Lussemburgo e la scuola

Dopo una settimana di homeschooling e una settimana di ferie di carnevale, Claude Meisch, ministro dell’istruzione, ha confermato che ci sarà un ritorno in classe il 22 febbraio. Né la diffusione delle varianti, né la ripresa dell’epidemia alle frontiere e tra i giovani dovrebbero nuocere all’istruzione degli studenti, ha affermato in particolare. La scuola sarà l’ultima istituzione ad essere chiusa. E questo anche se é stato stimato che, in ambito scolastico, circa il 30% dei casi positivi ha un legame con la scuola. La pandemia lascia il segno a livello scolastico, ma anche a livello emotivo. Questo vale per gli adulti come per i più giovani che hanno bisogno di un quadro, dei loro insegnanti e dei contatti sociali . Il ministro ha inoltre chiesto ai bambini di passare più tempo con la famiglia – e tra amici nel rispetto delle norme sanitarie – per dimenticare il disastro legato all’epidemia.

SEGUI DISTANTI MA UNITE

Non dimenticarti di seguire le nostre pagine social Facebook e Instagram.
Se ti è piaciuto l’articolo lascia qui di seguito il tuo commento e partecipa al nostro sondaggio, perché: La tua opinione conta.
Inserire link
1) alla parola Facebook alla nostra pagina Facebook
2) alla parola Instagram alla nostra pagina Instagram
3) alla frase La tua opinione conta che rimanda alla pagina del sondaggio.

Anna Piccolomini

Come si chiama mamma? Piccolomini Anna Grassa o magra ? Grassa Bassa o alta?alta Cosa le piace mangiare? Pasta e anche un po' di gnocchi Come le piace vestirsi? Bene Quanti anni ha? 3 come me Quale regalo vorresti fare alla mamma? Una macchina telecomandata Chi ama la mamma? Io e non papà Cosa fa la mamma? Sta con me e Leonardo Di cosa ti parla sempre la mamma? Di non dire brutte parole Dove vuoi viaggiare con la mamma? Alla scuola e all'asilo Cosa vuoi fare da grande? Accompagnare un bimbo all'asilo Di cosa ha paura la mamma? Di perdere il bus Cosa le piace alla mamma? Mangiare Cosa fa arrabbiare mamma? Quando lancio le macchine e dico brutte parole Ecco come mi vede mio figlio. Mi descrive di sicuro come una donna sposata con due figli che lotta ogni giorno per lavorare nel sociale. Vivo a Lussemburgo ma sono anche originaria di questo Paese e per metà pugliese. Amo il rosa da sempre e mamma dice che ho una classe innata. Amo osservare e mi lascio andare solo con le persone che amo. La mia prima impressione è sempre quella giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *