Distanti ma Unite, buon primo compleanno

Distanti ma Unite, buon primo compleanno

Marzo 2020-Marzo 2021: un anno di Distanti ma Unite

Potrei raccontarvi che Distanti ma Unite è nato come un gioco, in un pomeriggio qualsiasi durante il primo lockdown imposto dalla pandemia da Coronavirus. Ma non sarei del tutto sincera. Perché in realtà speravo e credevo sin da subito, da buona visionaria quale sono, che un giorno quel progetto potesse diventare “qualcosa di più”.

Distanti ma Unite

“Io bloggo, e voi?”

Prima un gruppo whatsapp per riunire amiche e colleghe, poi un blog nel giro di qualche ora e addirittura un sito in poco meno di una settimana. Un anno dopo un Magazine digitale di intrattenimento.

Una sfida quotidiana. Piccoli e grandi cambiamenti, affrontati e decisi da un team di donne intraprendenti e talentuose, animate dalla passione in comune per la comunicazione. Con la forte consapevolezza che, con tali professionalità da offrire al pubblico, non potevamo che sognare in grande.

Oggi non posso che essere orgogliosa della “mia” squadra capace di costruire #unpezzoallavolta quello che amiamo definire un puzzle di emozioni da condividere con chi ci legge e con chi ci segue.

Grazie

Grazie a chi c’è stato dal primo giorno, a chi ha percorso un tratto di strada insieme a noi, a chi si è aggiunta in corso d’opera mettendoci subito la sua impronta.

Ogni autrice, con il proprio stile e la propria sensibilità, ha contribuito a rendere Distanti ma Unite la creatura che è oggi.

Non dimentico nessuna e penso a tutte mentre scrivo queste righe per dare a tutti voi il benvenuto nella nuova versione di noi.

Per realizzare la nuova identity ci siamo messe alla prova, affinando le nostre competenze e gettando il cuore oltre l’ostacolo.

Abbiamo cercato l’unità nella varietà, esaltando punti in comune ed evidenziando le nostre caratteristiche personali. Non a caso il nostro claim è:

Non chiederci perché siamo uguali, scopri perché siamo diverse.

Diverse nella scrittura, nell’approccio ai temi selezionati, nelle abitudini di vita, nella condizione lavorativa e familiare e, soprattutto, nei punti di vista. Un confronto costruttivo e leale, senza pregiudizi. Un puzzle in cui convivono diverse anime.

Per Distanti ma Unite questo è un altro nuovo inizio. Domani, chissà.

Buon compleanno e in bocca al lupo a tutte noi.

Vi aspettiamo anche sulle nostre pagine social per essere sempre aggiornati su tutte le novità!

Elisabetta MazzeoProject creator Distanti ma Unite

Elisabetta Mazzeo

Elisabetta, classe 1981. Ogni 18 anni un cambiamento. Prima la Calabria, poi Roma, ora Zurigo. Domani chissà. La mia sfida quotidiana? Riuscire nell’impresa di essere contemporaneamente mamma, moglie, giornalista, scrittrice e ora anche blogger. Ore di sonno: poche. Idee: tante. Entusiasta, curiosa, caparbia, sognatrice. Scrivere è un’esigenza. Una lunga gavetta nei quotidiani e nelle tv locali, poi l'approdo come inviata di Sport Mediaset. Non ho dubbi: il mio è il mestiere più bello del mondo. Una passione prima che un lavoro. Oggi ricopro l'inedito ruolo di vicedirettore a distanza di Retesole, l’emittente che mi ha visto crescere umanamente e professionalmente. Divoro libri e uno l'ho anche scritto, mi nutro di storie di sport, mi diletto in cucina, scatto e colleziono foto, mi alleno quanto basta per non sentirmi in colpa e in compenso macino chilometri armata di scarpe da ginnastica e passeggino. Se fino a tre anni fa la mia vita viaggiava a ritmi frenetici, l’arrivo di mia figlia ha rimodulato le priorità. E adesso è con lei e per lei che continuo a mettere le mie passioni in campo, tra "pensieri e parole".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *