Noi siamo leggenda

Noi siamo leggenda

Federica Pellegrini e Aldo Montano. La Divina e l’Highlander. Livigno e Livorno. Un costume e una sciabola. Una corsia e una pedana. Il sogno delle Olimpiadi. Le vittorie e le sconfitte. Cadute e risalite. Medaglie come se piovesse. Personalità. Gossip. Vite vissute sotto i riflettori. Emozioni. Carriere sportive che incantano. E poi si chiudono. Di fronte ad un pubblico di appassionati e tifosi che con loro e grazie a loro hanno pianto ed esultato. Infinita gratitudine e nostalgia.

È una ruota che gira per tutti, quella sportiva è estremamente rapida, cinica, velocissima, anche se per me è durata tanto e fin troppo” – Aldo Montano

È stato un viaggio incredibile bellissimo e difficile e sono fiera di me, di come sono cresciuta e della donna che sono diventata negli anni!! Ho preso a pugni il mondo (anche me stessa a volte) per tanto tempo, per tanti anni, lottando sempre fino all`ultimo centimetro di acqua disponibile! Sono felice, veramente felice oggi! Era l’ultimo 200 che volevo, in un`altra finale olimpica! Ho dato tutta la mia vita a questo sport e a questo sport ho preso tutto quello che volevo e anche di più!” – Federica Pellegrini

Inizia tanto tempo fa la loro narrazione sportiva.

Nel 2004, in Grecia lo schermitore di Livorno alla sua prima apparizione olimpica vinceva la medaglia d’oro individuale. In quell’edizione dei giochi, una giovanissima Federica Pellegrini, conquistava l’argento nei 200 stile libero, dopo aver realizzato il miglior crono nella semifinale. L’oro lo conquistava la rumena Camelia Potec per soli 19 centesimi. L’azzurra però, entrava già nella storia: una nuotatrice italiana sul podio 32 anni dopo Novella Calligaris.

Aldo si congeda con una medaglia al collo, un argento conquistato insieme ai ragazzi della sciabola. Federica dice addio tra le lacrime con una settima posizione che non rende bene l’idea dell’impresa di aver centrato la quinta finale olimpica nella “sua” gara: i 200 metri stile libero.

Atene 2004. Tokyo 2020. O meglio, 2021.

Nel palmares di Montano, oltre all’oro dell’esordio, la medaglia d’argento, a squadre, sia ad Atene 2004 che a Tokyo 2020 (ad addirittura 42 anni). Ma non solo, il campione toscano vanta anche due medaglie di bronzo a squadre. La prima l’ha vinta a Pechino 2008, la seconda a Londra 2012.

pellegrini montano
pellegrini-montano
Pellegrini Montano

Ad incoronare la Pellegrini nell’Olimpo dei grandi fu invece Pechino 2008.
Prima atleta italiana del nuoto a vincere una medaglia d’oro olimpica.

E poi i record. Uno dopo l’altro. Ogni bracciata un primato: 6 nei 200m stile libero in vasca lunga, 3 nei 400m stile libero in vasca lunga, 2 nei 200m stile libero in vasca corta. Per ben 11 volte ha alzato l’asticella che divide gli uomini dalle leggende.

Una Fenice capace di risorgere dalle ceneri della sfortunata olimpiade di Londra del 2012 e di ripresentarsi da protagonista all’appuntamento con la storia.

pellegrini montano
pellegrini-montano
Pellegrini Montano

L’Italia sportiva oggi dice grazie a questi due campioni.

Grazie Aldo Montano – Federica Pellegrini. Penso a quanti bambini e bambine hanno iniziato a fare sport per emularvi…

Valentina Vezzali – sOTTOSEGRETARIO ALLO SPORT

Non è facile per me trattenere le lacrime. Ho avuto la fortuna di conoscerli, intervistarli, guardare da vicino quei campioni per cui avevo tifato davanti alla tv. Immortalare quegli incontri attraverso foto ricordo che ora diventano cimeli.

Last dance. Era la loro ultima danza. L’hanno ballata con il cuore, la grinta e la consapevolezza di aver dato tutto ai loro rispettivi sport.

Ora Federica e Aldo si dedicheranno alle loro vite private. A Matteo Giunta, suo allenatore e ora semplicemente e ufficialmente suo fidanzato, lei. Alla moglie Olga e ai suoi due figli, lui.

Hanno conosciuto i riflettori. Fatto parlare di loro. Hanno subito la pressione mediatica. Accendendo le luci sulle loro discipline: il nuoto e la scherma.

Lei, schiva e riservata. Lui, esplosivo e passionale. Lei, legata ai suoi genitori, a suo fratello e ai suoi cani. Lui, figlio d’arte.

Loro: campioni e leggende.

Loro: Federica e Aldo.

#CaparbiamenteSognatrice

SEGUI DISTANTI MA UNITE! Sulle nostre pagine social  Facebook, TwitterInstagram e Telegram. Ti aspettiamo con un ricco calendario.

Elisabetta Mazzeo

Elisabetta, classe 1981. Ogni 18 anni un cambiamento. Prima la Calabria, poi Roma, ora Zurigo. Domani chissà. La mia sfida quotidiana? Riuscire nell’impresa di essere contemporaneamente mamma, moglie, giornalista, scrittrice e ora anche blogger. Ore di sonno: poche. Idee: tante. Entusiasta, curiosa, caparbia, sognatrice. Scrivere è un’esigenza. Una lunga gavetta nei quotidiani e nelle tv locali, poi l'approdo come inviata di Sport Mediaset. Non ho dubbi: il mio è il mestiere più bello del mondo. Una passione prima che un lavoro. Oggi ricopro l'inedito ruolo di vicedirettore a distanza di Retesole, l’emittente che mi ha visto crescere umanamente e professionalmente. Divoro libri e uno l'ho anche scritto, mi nutro di storie di sport, mi diletto in cucina, scatto e colleziono foto, mi alleno quanto basta per non sentirmi in colpa e in compenso macino chilometri armata di scarpe da ginnastica e passeggino. Se fino a tre anni fa la mia vita viaggiava a ritmi frenetici, l’arrivo di mia figlia ha rimodulato le priorità. E adesso è con lei e per lei che continuo a mettere le mie passioni in campo, tra "pensieri e parole".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *