Storie da raccontare/9 – Lo scivolo

Storie da raccontare/9 – Lo scivolo

Tempo di lettura: 2 minuti

Canzone consigliata: Weekend – 883

Estate 1994. Credo. Un ragazzino di 15 anni, con uno zaino dell’Invicta sulle spalle, a torso nudo, spiega ai suoi amici perché la Roma di Mazzone, in quella stagione, lotterà per lo Scudetto.

– L’ho vista nell’amichevole di mercoledì sera – argomenta – st’anno c’avemo gioco! –

Io, intanto, non riesco a staccare gli occhi dalla scritta sulla tasca in basso dello zaino: Grazie Cappioli e nel frattempo conto i giorni, pochi, che mi separano dal rientro a scuola, tentando di sedare l’ansia al sapore di grafite e gomma pane.

Forse c’è il tempo per un ultimo bagno, penso, e di corsa copro la distanza tra la mia sdraio e lo scivolo più alto dell’acqua park.

– Dobbiamo andare via! – mi grida mio padre vedendo la mia ciccia di preadolescente schizzare verso un punto imprecisato.

– Un ultimo bagno! – gli rispondo amplificando la voce con l’aiuto dell’incavo delle mani.

E mentre ignaro di qualsiasi cosa, disinteressato al futuro, se non quello prossimo tra registri di classe e compiti a casa, scivolo verso il fondo della piscina, credendo che la vita sia davvero simile a quella discesa, semplice come un percorso segnato, durante il quale, dopo la paura del primo istante e il coraggio di lanciarsi dosando la velocità, basta mettere le mani dietro la nuca e lasciarsi trasportare, gli altoparlanti del centro rimbalzano a volume altissimo Weekend degli 883.

Sono vittima di una truffa: qualcuno, un giorno, mi ha convinto che l’esistenza non fosse che questa.

Era un bugiardo. Ed era mio padre.

Gabriele Ziantoni #DisperatamenteMalinconico

SEGUI DISTANTI MA UNITE!

Sulle nostre pagine social  FacebookTwitterInstagram e Telegram.

Gabriele Ziantoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.