Storie da raccontare/13 – A me non m’ha mai abbracciato così

Storie da raccontare/13 – A me non m’ha mai abbracciato così

Tempo di lettura: 2 minuti

Canzone consigliata: Carmen Consoli – In bianco e nero

– …a me, non m’ha mai abbracciato così… –

– Lo so – risposi senza guardarlo – nemmeno a me –

La figura plastica che mi si stagliava davanti, odiosa per quanto bella, continuava a trasmettermi emozioni contrastanti.

Sorpresa, invidia, confusione.

Una mole difficilmente gestibile di dolore.

Cosa c’è di sbagliato nell’abbraccio tra madre e figlio? Nulla. Forse non esserne protagonista ma solo dimenticato spettatore.

E comunque non era il gesto in sé a crearmi disagio ma l’espressione della donna: soddisfatta, estasiata. Sembrava tradurre uno stato di beatitudine che non prevedeva altro luogo di pace se non quella stretta.

– Mi prendi in braccio? – chiese il bambino allungando schiena e mani.

– Certo amore mio. Vieni qua… –

I suoi occhi erano coltelli piantati nel petto.

– Sarò felice da grande? –

Una stilettata avrebbe fatto meno male.

– Non saprei dirtelo cucciolo. Avrai una vita piena, questo sì. Vivrai istanti esaltanti in cui ti sentirai in cima al mondo e momenti infinti durante i quali non potrai impedirti di rotolare rovinosamente a valle. Ogni volta crederai di aver terminato le energie necessarie per risalire la china. E ogni volta le troverai, sentendoti invincibile. Direi che la vita non è nient’altro che questo… –

– Ok – commentò serio il bimbo, schiacciandosi forte l’indice sul mento alla ricerca della chiosa giusta. La trovò.

– Avrò molti gatti? –

Sorrisi.

– Direi di sì ma comunque sempre meno di quelli che vorresti? –

– Benissimo! Allora intanto andiamo a casa a coccolare i nostri? –

– Certo Gabriele, andiamo! –

Gabriele Ziantoni #DisperatamenteMalinconico

SEGUI DISTANTI MA UNITE!

Sulle nostre pagine social  FacebookTwitterInstagram e Telegram.

Gabriele Ziantoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *