Il Natale prima di sposarsi

Il Natale prima di sposarsi

Il Natale di una futura sposa non è un Natale come tutti gli altri. All’odore di fritto, alla bontà dei canditi, alle ricette a tema, alle colazioni a suon di pandoro e Nutella si aggiunge un altro step determinante: le domande dei parenti sul matrimonio in arrivo. Se gli scorsi anni avevo dribblato puntualmente l’immancabile “Voi quando vi sposate?”, quest’anno ovviamente la musica è cambiata. La zia Ermenegilda, che tanto insisteva con “Se continui così, resti zitella”, ora è diventata uno zucchero filato. La nonna Pina, per la quale “ne hai 35, ma quando ti decidi?”, adesso è lì che ricama di fantasia sul vestito. Lo zio Asdrubale, che solitamente dormiva sul divano tutto il pomeriggio, vuole sapere ogni dettaglio del catering.

Eh si signori miei, le cose cambiano! Per tutti sono stata “la futura sposa”, la “regina della tavola”, il che mi ha fatto gioco perché nessuno si è accorto che anche stavolta a preparare il pranzo ci ha pensato Ale. In compenso coccole a profusione da parte di tutti. Un paio di regali a tema, che non guastano mai, ed una marea di curiosità da soddisfare. Per quanto, ve ne avevo già parlato, certi temi restano un tabù e non ho alcuna intenzione di entrare nei particolari fino al grande giorno. La mamma custodisce gelosamente i miei segreti ed è stata istruita per non lasciar trapelare nulla su abito, accessori e acconciatura. Sennò che sposa sarei?

In compenso ho già ricevuto sviolinate a go-go sulla scelta di Chiesa e location (in effetti ne vado proprio fiera) fino alla lista infinita di consigli e suggerimenti. “Quando mi sono sposata io…”. Ok, ma erano gli anni ’50. Non azzarderei tutti questi paragoni. Le bomboniere le avete scelte? Ma dai, fate proprio una cosina. Non buttate soldi ragazzi. Carne o pesce? Occhio agli allergici eh. Io opterei per una torta tutta panna. No, non scherziamo! E’ antica. Osate di più! E la musica? Chi viene a suonare? Ma farete anche i fuochi d’artificio? Niente, è finita con “Versami un altro goccio di rhum, grazie”.

SEGUI DISTANTI MA UNITE!

Ci trovi sui social Facebook, TwitterInstagram e Telegram.

Iscriviti alla nostra newsletter e non perdere i nostri contenuti per te!

Eleonora Marini

Ciao sono Eleonora, 34 anni, nata e cresciuta a Roma, città che amo follemente e nella quale vivo, anzi convivo, con 1metroed85dimuscoli di nome Alessandro. E con due "coinquilini" bianchi, dalla coda lunga, che fanno le fusa tutto il giorno: Martino e Matilde. Sono una giornalista, amante di ogni forma di comunicazione e creatività, tanto che mi sono sempre divisa tra radio, tv e carta stampata. Per non farmi mancare niente! Assidua frequentatrice di palestra, alterno lo squat alla carbonara, il bilanciere alla bilancia, gli addominali ad un buon calice di vino, in un equilibrio perfetto che oscilla tra "da domani dieta" a "per me un altro tiramisù, grazie". Colleziono tacchi a spillo ma (ormai) vivo con un paio di Converse ai piedi; la mattina mi sveglio a volte Bridget Jones, a volte Carrie Bradshaw, ma comunque bionda e con la voglia di conquistare il mondo. O almeno un caffè alla vaniglia per svegliarmi. Sono innamorata della mia famiglia, del mio fidanzato e dei miei amici. Ma più di tutto dei miei gatti, il re e la regina incontrastati della mia vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.