Tradizioni da sposa: cosa indossare tassativamente!

Tradizioni da sposa: cosa indossare tassativamente!

Le tradizioni sono tradizioni. Tanto più quando ci si sposa! Ed è proprio la futura sposa che deve rispettarle affinché siano di buon auspicio per un matrimonio felice e duraturo. Pensate che in passato le tradizioni propiziatorie erano un vero e proprio imperativo! Ora i tempi sono decisamente cambiati e la tendenza è quella di essere molto meno scaramantici. Ci si sposa di venerdì, in barba ai proverbi delle nonne. Ci si dice “sì” in viola, in verde, in rosso e a volte persino in fucsia. Si sfida la sorte a suon di perle (no, io non mi fido!!) e si dorme ormai insieme la sera prima del matrimonio. Perché in fondo dopo anni di convivenza sarebbe piuttosto strano tornare nella propria cameretta, no? Eppure alcune tradizioni resistono ed è bene assecondarle. Vediamo insieme le più famose!

Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo

Proprio così. Tra le tradizioni che si tramandano nei secoli c’è questa. La futura sposa deve indossare qualcosa di vecchio, a testimoniare la continuità, e qualcosa di nuovo, che sia di buon auspicio per la “nuova vita” in due che comincia. Qualche esempio? Un vecchio fermaglio della nonna andrà benissimo. Così come un vecchio bracciale, una collana o un paio di orecchini. Insomma, se si va sul gioiello il gioco è fatto! Idem per “qualcosa di nuovo” che anzi è l’occasione per chiedere indirettamente un bel regalo a qualcuno. Ma non diciamolo a voce alta!

Qualcosa di prestato, qualcosa di regalato

Mamme, nonne, zie, amiche, sorelle fatevi sotto! Con la preghiera di non mettere in imbarazzo la futura sposa. Che sì, dovrà indossare qualcosa di vostro, ma non dovrà certo diventare una bancarella! Perciò lasciate scegliere a lei cosa prendere in prestito e da chi. Senza rimanerci male, ovvio! Il vostro compito è soltanto quello di proporvi e di proporre qualcosa di vostro. Ma sarà solo e soltanto la sposa a scegliere cosa e magari da chi. Idem per il “qualcosa di regalato”. Se non dovesse essere al matrimonio, non mancherà di certo occasione per indossare il vostro pensiero per lei.

Qualcosa di blu

Quando ho letto che tra le tradizioni più famose c’è quella del “qualcosa di blu”, ho inconsciamente sorriso! Il blu sarà infatti il colore del nostro matrimonio!! Una scelta totalmente inconsapevole, fatta solo ed esclusivamente per l’apprezzamento nei confronti di questo colore. Il blu è sulle partecipazioni, sarà presente a suo modo in chiesa e poi in villa, insomma di certo non mancherà. Anzi, semmai abbonderemo. Il discorso semmai è stato capire come poter indossare io, la sposa, qualcosa di blu! Ed anche in questo caso l’escamotage è stato trovato! Ma lo scoprirete solo quel giorno, forse!

Eleonora Marini #stilosamentepungente

SEGUI DISTANTI MA UNITE! 

Sulle nostre pagine social: Facebook, TwitterInstagram e Telegram.

Partecipa al nostro sondaggio perché La tua opinione conta!

Eleonora Marini

Ciao sono Eleonora, 34 anni, nata e cresciuta a Roma, città che amo follemente e nella quale vivo, anzi convivo, con 1metroed85dimuscoli di nome Alessandro. E con due "coinquilini" bianchi, dalla coda lunga, che fanno le fusa tutto il giorno: Martino e Matilde. Sono una giornalista, amante di ogni forma di comunicazione e creatività, tanto che mi sono sempre divisa tra radio, tv e carta stampata. Per non farmi mancare niente! Assidua frequentatrice di palestra, alterno lo squat alla carbonara, il bilanciere alla bilancia, gli addominali ad un buon calice di vino, in un equilibrio perfetto che oscilla tra "da domani dieta" a "per me un altro tiramisù, grazie". Colleziono tacchi a spillo ma (ormai) vivo con un paio di Converse ai piedi; la mattina mi sveglio a volte Bridget Jones, a volte Carrie Bradshaw, ma comunque bionda e con la voglia di conquistare il mondo. O almeno un caffè alla vaniglia per svegliarmi. Sono innamorata della mia famiglia, del mio fidanzato e dei miei amici. Ma più di tutto dei miei gatti, il re e la regina incontrastati della mia vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.