La nuova Persuasione

La nuova Persuasione

Devo imparare a sopportare l’idea di essere più felice di quanto io non meriti

Persuasione – Jane Austen

Tra i (pochi, purtroppo) romanzi di Jane Austen, Persuasione è forse quello meno conosciuto e sicuramente meno citato. Da grande ammiratrice della scrittrice inglese, i cui romanzi sono intramontabili e, paradossalmente rispetto al periodo storico in cui sono stati scritti, incredibilmente attuali, ho sempre avuto una pacata ammirazione per questo romanzo. Eppure merita incredibilmente, perché Anne Elliot è meno fragile di quello che sembra. È l’eroina più eroica dei romanzi della Austen. È proprio questo che mi è sempre piaciuto di questa scrittrice: la capacita di essere moderna in qualunque momento storico.

La nuova Persuasione su Netflix

Perché vi parlo di Persuasione? Perché il 15 luglio su Netflix uscirà una nuova versione cinematografica del romanzo. Le trasposizioni dei romanzi di Jane Austen sono state quasi tutte buone. Assolutamente top quelle prodotte dalla BBC. Il film di Netflix mi incuriosisce perché già dal trailer Anne Elliot, il cui volto è quello di Dakota Johnson, è particolarmente irriverente. Cosa che nel romanzo non appare subito ma lo si capisce pagina dopo pagina.

Pubblicato postumo nel 1818, il libro narra delle vicende di Anne Elliot, figlia di un baronetto sul crollo finanziario, innamorata dell’ufficiale di marina Frederick Wentworth che anni prima aveva lasciato, persuasa dalla famiglia che non lo riteneva all’altezza. Otto anni dopo, un ricco, ma pieno di rancore, Capitano Wentworth farà capolino per la seconda volta nella vita della donna. A questo punto Anne deve scegliere tra gettarsi il passato alle spalle o ascoltare il suo cuore e aprirsi a una seconda possibilità. 

La bellezza di Anne Elliot è descritta pienamente dalla Austen, a differenza di altre sue eroine. La grande differenza è che nei romanzi antecedenti a Persuasione, i suoi personaggi sono raccontati dall’esterno, sono le loro parole e le loro azioni a definirli. Di Anne Elliot, invece, possiamo leggere le emozioni, i pensieri, gli stati d’animo. La sua è una narrazione che tocca intimamente il personaggio e ce lo fa vivere dal profondo.

La nuova versione del romanzo proposta da Netflix propone un Anne Elliot quasi irriverente eppure forte nell’esprimere le sue emozioni. Ed è raccontata esattamente come la Austen la descrive nel romanzo. Non remissiva e pensierosa, ma cosciente, in ogni scena, di essere stata persuasa a fare qualcosa che il suo cuore non voleva. E di provare a cambiare lottando contro la sua eterna timidezza.

Quante volte siamo stati persuasi e non convinti delle nostre idee o dei nostri sentimenti abbiamo ascoltato le parole di altri? E quando invece abbiamo persuaso qualcuno a scegliere una strada invece di un’altra?

Forse è successo più volte di quelle che ricordiamo. La descrizione intima di Anne Elliot rispecchia uan parte di personalità di ognuno di noi.

SEGUI DISTANTI MA UNITE! Sulle nostre pagine social  Facebook, TwitterInstagram e Telegram. E iscriviti alla nostra newsletterTi aspettiamo!

#ostinatamenteEclettica

Paola Proietti

Classe '77, giornalista professionista dal 2008. Ho lavorato in radio, televisione e, vista l'età, anche per la vecchia carta stampata. Orgogliosamente romana, nel 2015 mi trasferisco, per amore, in Svizzera, a Ginevra, dove rivoluziono la mia vita e il mio lavoro. Mamma di due bambine, lotto costantemente con l'accento francese e scopro ogni giorno un pezzo di me, da vera multitasking expat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.