Città o campagna: dove si vive meglio?

Città o campagna: dove si vive meglio?

In quanti, ogni giorno, si fanno questa domanda: si vive meglio in campagna o in città?

Città o campagna?

Non ci sarà mai una risposta oggettiva a questa domanda. Città o campagna? Ognuno di noi predilige l’una o l’altra, alcuni anche entrambe. Ma il posto dove ogni giorno, circa 11 mesi su 12, si torna la sera dopo il lavoro, dopo una serata con gli amici, dopo il calcetto, la piscina o altro, qual è per voi? Per me è indiscutibilmente la città. E lo dico da amante della campagna, delle montagne, dei paesini sul mare, dell’aria pulita e della gente cordiale e senza fretta costante. Eppure, se devo immaginare un luogo che mi fa sentire a casa è senza dubbio la città, una grande città con la sua calca, i condomìni a sette piani, le liti dei vicini, i bambini che giocano in cortile, i clacson, i cigolii dei tram, i centri commerciali.

Campagna

La calma e la tranquillità le apprezzo moltissimo. Ma nel weekend o in vacanza. Tanti saranno in disaccordo con me. Vivere in campagna infatti offre innumerevoli vantaggi tra cui l’aria pulita, gli spazi verdi, le villette indipendenti, i parcheggi gratuiti e disponibili, le piste ciclabili. Per non parlare dei costi delle case, sia in affitto che da acquistare. Ho un amico che in un paese a 25 chilometri da Milano paga 500€ d’affitto al mese per 60 mq d’appartamento con box compreso. A Milano invece è tutto esattamente raddoppiato. E i metri quadri sono dimezzati. E il box lo paghi a parte.

Città

Ma la bellezza di avere il lavoro vicino casa, svegliarsi un’ora prima di attaccare, prepararsi, prendere la bici e arrivare. Piuttosto che alzarsi due ore prima, prendere pullman, treni, fare un abbonamento ai mezzi o spendere chissà quanti euro di benzina al mese per raggiungere la città in macchina. Affrontare il traffico tutti giorni, andata e ritorno. No, grazie. Ma è questione di punti di vista, di primarie necessità. Per me in questo momento è fondamentale non essere schiava della macchina e potermi muovere liberamente e ovunque in bicicletta, raggiungere il mio posto di lavoro nel minor tempo possibile, avere nella via di casa o nelle vie limitrofe: supermercato, pizzeria, veterinario, bar, negozio d’animali e fermata del tram. Un domani chissà, le mie priorità potrebbero cambiare, in base al mio nucleo familiare, potrei desiderare una villetta a schiera in campagna con giardino e un labrador color cioccolato.

E voi, adesso, preferite città o campagna per vivere?

distantimaunite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.