Professione fashion blogger: “Indian Savage”

Professione fashion blogger: “Indian Savage”

Un conto è parlare di moda, un altro è lavorare come “fashion blogger”. Trasformare una passione personale in un vero e proprio mestiere è possibile, anche grazie alle infinite opportunità che il web offre. Ma il percorso è lungo e bisogna essere preparate. Ne parliamo con Margaret Dall’Ospedale, che con il suo “Indian Savage” è ormai una blogger affermata, apprezzata e molto seguita.

1) Perchè il nome “Indian Savage”?

In realtà questo è un “soprannome” che mi dava mia nonna materna, quando da piccola aprivo l’armadio di mia madre e iniziavo a fare “mix and match” stravaganti con gli abiti che trovavo. Lei diceva che avevo troppa fantasia e che non rispettavo i canoni della moda. La verità è che quando si studia in una scuola privata dove l’uniforme è obbligatoria, la necessità di una identità propria diventa maggiore.

Veniamo ad una panoramica del tuo blog: ce lo presenti?

Ho aperto questo blog sotto forma di diario personale nel lontano aprile 2010. Volevo condividere, raccontare e suggerire i miei pensieri, le mie idee, le mie ispirazioni sugli argomenti che mi appassionano. Beauty, Moda e Viaggi postare le mie foto e i miei outfit. Il prossimo mese diventerà finalmente un “blogzine” e chissà, forse un giorno, diventerà un magazine vero e proprio. Il mio sogno è che divenga un contenitore per persone che hanno voglia di raccontare qualcosa, ma in modo accurato.

Spazi dalla moda, al beauty fino ai viaggi: tu cosa preferisci? 

Parlerei di viaggi dalla mattina fino a sera, perché lavoro nel turismo ormai da 21 anni, ma proprio per il mio lavoro, valuto ogni viaggio stampa. Questo perché so quanto è importante comunicare informazioni corrette e non si può improvvisare, come fanno tante persone. Mentre per quanto riguarda il beauty, le mie recensioni sono basate su esperienze personali (su di me e altre 4 persone con tipologia di pelle e capelli diversi). Infine il fashion (e anche il food), sono solo passioni e ne parlo a volte anche in modo molto goliardico e spesso facendo riferimento alle mie preferenze (d’altronde come blogger ho il privilegio di poter essere soggettiva). 

Consigli ad un’aspirante fashion blogger?

Seguire i passi e gli insegnamenti dei giornalisti e capire quanto sia importante creare sinergie con loro. Il background che possiedono e che mettono a nostra disposizione è una fonte importantissima per poter creare un buon strumento di comunicazione. Personalmente ho diverse amiche VERE che sono giornaliste e ogni volta mi danno consigli che mi permettono “raccontare” qualsiasi cosa nel modo corretto e anche in modo soggettivo (e proprio grazie a loro ho capito la fortuna che ho di poter esprimere il mio parere). 

Cosa significa “stile” per te?

Riprendo le parole di mia nonna e rispondo: “saper scegliere le tendenze giuste per ognuno di noi e interpretarle rispettando il nostro carattere, senza dover copiare nessuno”.

Eleonora Marini

Ciao sono Eleonora, 34 anni, nata e cresciuta a Roma, città che amo follemente e nella quale vivo, anzi convivo, con 1metroed85dimuscoli di nome Alessandro. E con due "coinquilini" bianchi, dalla coda lunga, che fanno le fusa tutto il giorno: Martino e Matilde. Sono una giornalista, amante di ogni forma di comunicazione e creatività, tanto che mi sono sempre divisa tra radio, tv e carta stampata. Per non farmi mancare niente! Assidua frequentatrice di palestra, alterno lo squat alla carbonara, il bilanciere alla bilancia, gli addominali ad un buon calice di vino, in un equilibrio perfetto che oscilla tra "da domani dieta" a "per me un altro tiramisù, grazie". Colleziono tacchi a spillo ma (ormai) vivo con un paio di Converse ai piedi; la mattina mi sveglio a volte Bridget Jones, a volte Carrie Bradshaw, ma comunque bionda e con la voglia di conquistare il mondo. O almeno un caffè alla vaniglia per svegliarmi. Sono innamorata della mia famiglia, del mio fidanzato e dei miei amici. Ma più di tutto dei miei gatti, il re e la regina incontrastati della mia vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *