Le api sono in pericolo, proteggiamole!

Le api sono in pericolo, proteggiamole!

Quando pensiamo alle api pensiamo a cose come gli alveari e al miele, ma in realtà sono molto di più di tutto questo. Le api infatti sono tra i principali insetti impollinatori. Il loro lavoro di impollinazione fornisce il 90 per cento degli alimenti a livello mondiale. Quindi sono fondamentali anche per la nostra stessa sopravvivenza.

Ma nonostante la loro importanza, le api di tutto il mondo sono sempre più in pericolo e le cause principali della loro estinzione sono le attività umane e i loro effetti sull’ambiente.

Per questo motivo l’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2017 ha deciso di istituire per il 20 di maggio una Giornata mondiale delle api. Una ricorrenza nata per ricordare quanto questi preziosi insetti, come altri impollinatori, siano fondamentali per la vita sulla Terra.

Il World Bee Day, giunto quest’anno alla sua quarta edizione, rappresenta un’opportunità per sensibilizzare le persone sul ruolo fondamentale che ricoprono le api per lo sviluppo sostenibile e sulla necessità quindi di proteggerle il più possibile.  

IL RUOLO DELLE API

Le api, come altri impollinatori, come farfalle, pipistrelli e colibrì, trasferendo di fiore in fiore il nettare e il polline, aiutano molte piante e colture alimentari a fertilizzarsi e riprodursi. Assicurando la biodiversità alimentare di un intero ecosistema.

Secondo la FAO infatti oltre il 75% delle colture alimentari mondiali si riproduce grazie al lavoro di impollinazione svolto dalle api.  Esse possono raggiungere e impollinare più di 170.000 specie vegetali.

Banalmente senza il loro prezioso lavoro la produzione della frutta e degli ortaggi che mangiamo sarebbe molto più lenta, se non inesistente.

LA SCOMPARSA DELLE API E LE RELATIVE CONSEGUENZE

Eppure nonostante la loro importanza vitale la loro sopravvivenza è messa seriamente a rischio. Secondo i dati diffusi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, dal 1980 al 2010 la popolazione di api si è ridotta del 36%. E ancora una volta la minaccia principale è rappresentata dalle attività umane e dai loro effetti devastanti sul Pianeta. 

I principali nemici sono infatti pesticidi e insetticidi, deforestazione e distruzione di suolo fertile, la scomparsa di biodiversità e non per ultimi l’inquinamento e i cambiamenti climatici.

Se le api continueranno a diminuire, saranno a serio rischio alimenti come castagne, mele, pesche e mandorle. Ma anche tantissimi ortaggi, tra cui ad esempio zucchine e pomodori.

LA SLOVENIA E LA TUTELA DELLE API

La Slovenia è in prima linea per la salvaguardia della specie. Nel Paese è da sempre largamente diffusa una cultura di rispetto e tutela delle api. Pensate ad esempio che su una popolazione di 10 mila persone, ben 200 sloveni hanno un’attività di apicoltura.

La Slovenia inoltre è stata la prima nel 2011 a vietare l’uso di pesticidi a danno delle api sul territorio nazionale. E nel 2017 è stata lei a spingere fortemente per l’istituzione del World Bee Day, che ricordasse al mondo l’urgenza di proteggere e salvaguardare questa specie.

Sarà forse merito anche dell’eredità lasciata da Anton Janša (1734 – 1773), pioniere delle tecniche di apicoltura moderne proprio in Slovenia, suo paese di origine. In onore del quale è stato scelto per la Giornata mondiale delle api proprio il 20 maggio, suo giorno di nascita. 

COSA POSSIAMO FARE?

Tutti e tutte noi possiamo fare qualcosa per proteggere questi insetti così preziosi. Ognuno ovviamente con le proprie possibilità.

Angelina Jolie ad esempio lo scorso 20 maggio ha deciso di posare per il National Geographic interamente ricoperta di api. Ovviamente con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle terribili conseguenze di una loro estinzione. Questo è efficace se lo fa lei, con la sua visibilità e notorietà. Se lo facessimo noi probabilmente i risultati sarebbero molto diversi. Io morirei sicuramente di paura prima dello scatto del fotografo.

Però possiamo fare tanto altro. In primis sicuramente dichiarare guerra all’inquinamento facendo nostro uno stile di vita più sostenibile.

In secondo luogo riempire il balcone di fiori che possano fornire nettare e polline alle api. Creando così dei veri e proprio corridoi verdi per aumentare il numero di insetti impollinatori, anche nelle nostre città. A questo scopo potete piantare piante aromatiche come timo, rosmarino, malva, verbena, ma anche camomilla, borragine e lavanda. E tra i fiori scegliere geranei, ortensie, azalee e margherite.

Oppure si può adottare un alveare attraverso la piattaforma eBee, sostenendo così il lavoro preziosissimo di un apicoltore e ricevendo a casa dell’ottimo miele.

Insomma che le api siano fondamentali per la vita ormai è chiaro. E che sia nostro dovere aiutarle e proteggerle lo è ancora di più. Ognuno con i propri mezzi, possiamo tuttə. fare la differenza.

SEGUI DISTANTI MA UNITE! Non dimenticarti di seguire le nostre pagine social FacebookTwitter Instagram. Se ti è piaciuto l’articolo lascia qui di seguito il tuo commento e partecipa al nostro sondaggio, perché: La tua opinione conta.

Eloisa Dal Piai

Ciao a tutt* io sono Eloisa, Green-tosa in questo blog e nella vita. Sono nata e cresciuta a Padova, ma romana di adozione e di cuore. Vivo a Roma dal 2011 e amo questa città follemente, nonostante tutte le sue criticità. Ma io adoro mettere ordine nel caos e forse per questo anche amo vivere qui, tra storia antica, bellezza architettonica, traffico, buche, parchi immensi, caciara e il mare a 2 passi. Lavorativamente ho fatto di tutto: animatrice, babysitter, barista, assistente alla regia e insegnante di teatro, speaker giornalistica, redattrice e conduttrice radiofonica. Lavoravo nel mondo dello spettacolo, ma ho capito che non faceva per me. Sono troppo vera e genuina per quell'ambiente. E così, come faccio spesso, ho invertito la direzione della mia vita e ho cambiato strada. Perché finalmente ho capito cosa voglio: voglio alzare la voce, lottare per ciò in cui credo, fare la differenza e portare ben-essere nel mondo. Il tutto con il sorriso e tanto entusiasmo. Sono un'attivista, ambientalista e femminista, faccio volontariato e lavoro nel campo del sociale. Amo mangiare, stare in mezzo alla natura, ridere, leggere e continuare a studiare e scoprire sempre cose nuove. Vivo a colori! Il mio scopo nella vita: essere felice e portare felicità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.