Un attacco di panico: cos’è?

Un attacco di panico: cos’è?

Un attacco di panico è caratterizzato da un forte attacco di ansia associato a sensazione di morte imminente, sensazione di impazzire o perdere il controllo di sé e commettere un atto anomalo (ad esempio: buttarsi da una finestra, provocare un incidente, rotolare la terra che urla…). Si percepisce una sensazione di perdita di controllo sulla situazione. L’esordio è improvviso o rapidamente progressivo e i sintomi raggiungono il loro picco in meno di 10 minuti. La crisi si risolve in pochi minuti a meno di 2 ore, lasciando il posto a una sensazione di sollievo e abbastanza frequentemente a un’intensa stanchezza.

Come evolve un attacco di panico

Gli attacchi di panico si verificano più spesso in un momento comprensibile, non lasciano altro effetto collaterale se non un brutto ricordo e non portano a cambiamenti nel comportamento o nel pensiero: puoi tornare alla vita di prima. Questi attacchi di ansia acuti possono capitare a chiunque e non richiedono una gestione speciale oltre alla fase acuta. Queste crisi possono in alcuni casi ripetersi e diventare croniche.

un attacco di panico

Sintomi di un attacco di panico

Mentre il corso di un attacco di panico è abbastanza stereotipato da paziente a paziente, i sintomi sono eterogenei. Esistono 4 tipi di sintomi: psichico, psicomotorio, fisico, neurovegetativo.

Sintomi psichici di un attacco di panico

I sintomi psichici di un attacco di panico combinano: una sensazione di pericolo, di catastrofe, anche di morte imminente, un’amplificazione peggiorativa degli stimoli ambientali. Una derealizzazione (sensazione di trasformazione dell’ambiente), una spersonalizzazione (sensazioni corporee bizzarre, impressione di trasformazione corporea), perplessità, incapacità di fissare l’attenzione, una sensazione di impotenza ad agire, a pensare .

Sintomi psicomotori di un attacco di panico

Si manifestano come inibizione o perdita di iniziativa, che possono variare dal rallentamento allo stupore ansioso. Al contrario, possono comportare l’incapacità di sedersi o stare seduti fermi, in comportamenti inappropriati con pianto e urla.

Sintomi fisici

Sono spesso intensi ma non sempre obiettivi. Sono estremamente vari, i più frequenti sono: palpitazioni cardiache, tremori, difficoltà respiratorie, sensazione di soffocamento, vertigini, malessere, dolore toracico, diarrea.

Sintomi anatomici

I sintomi anatomici più frequenti sono: sudorazione, pallore, viso arrossato, vampate di calore, mani sudate, secchezza.

La mia esperienza

Ho sofferto di attacchi di panico all’università a Roma . Credo che sentivo molto il peso del possibile fallimento nel mio percorso di studi. Ma per fortuna non ho mai mollato anzi il tirocinio mi ha aiutato molto perché mi obbligava ad uscire e a parlare con le persone ho sofferto di palpitazioni, sudorazione, diarrea. Non so direi come é passato ma posso confermarvi che lottare, opporsi alla sensazione di ansia, angoscia, Aiuta! E naturalmente parlatene!!!

SEGUI DISTANTI MA UNITE!

Non dimenticarti di seguire le nostre pagine social Facebook e Instagram.
Se ti è piaciuto l’articolo lascia qui di seguito il tuo commento e partecipa al nostro sondaggio, perché: La tua opinione conta.

Anna Piccolomini

Come si chiama mamma? Piccolomini Anna Grassa o magra ? Grassa Bassa o alta?alta Cosa le piace mangiare? Pasta e anche un po' di gnocchi Come le piace vestirsi? Bene Quanti anni ha? 3 come me Quale regalo vorresti fare alla mamma? Una macchina telecomandata Chi ama la mamma? Io e non papà Cosa fa la mamma? Sta con me e Leonardo Di cosa ti parla sempre la mamma? Di non dire brutte parole Dove vuoi viaggiare con la mamma? Alla scuola e all'asilo Cosa vuoi fare da grande? Accompagnare un bimbo all'asilo Di cosa ha paura la mamma? Di perdere il bus Cosa le piace alla mamma? Mangiare Cosa fa arrabbiare mamma? Quando lancio le macchine e dico brutte parole Ecco come mi vede mio figlio. Mi descrive di sicuro come una donna sposata con due figli che lotta ogni giorno per lavorare nel sociale. Vivo a Lussemburgo ma sono anche originaria di questo Paese e per metà pugliese. Amo il rosa da sempre e mamma dice che ho una classe innata. Amo osservare e mi lascio andare solo con le persone che amo. La mia prima impressione è sempre quella giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *