I motivi che spingono gli italiani a lasciare l’Italia

I motivi che spingono gli italiani a lasciare l’Italia

Sono tanti i motivi che spingono gli italiani a lasciare l’Italia ogni anno….Crescita a rilento, prospettive professionali sfocate, difficoltà a trovare il proprio posto.Alla ricerca di un paese dove l’economia e le prospettive economiche sembrino migliori. I giovani, dal canto loro, denunciano la mancanza di opportunità di lavoro a tempo indeterminato. Carichi di diplomi e dopo aver completato più stage, molti hanno difficoltà a trovare una posizione diversa da un contratto a tempo determinato e pagata all’altezza del proprio bagaglio. Quanto agli studenti, sono numerosi a denunciare la modalità di ottenimento delle borse di studio, basata su criteri sociali e non sul merito degli stessi studenti come spesso accade negli Stati Uniti Stati.

Si parla spesso anche della mancanza di un percorso di carriera (e quindi di un aumento di stipendio). Ciò si traduce nell’impossibilità di lasciare la casa dei genitori e comprare una casa propria, che è difficile permettersi senza passare attraverso un prestito. Infine, c’è una categoria di persone per le quali partire non fa parte di un reale desiderio di darsi una possibilità di successo.

E tu cosa ne pensi? Saresti pronto a lasciare l’Italia per avere condizioni di vita migliori? Al contrario, sei troppo attaccato alla tua terra per lasciarla?

I MOTIVI CHE SPINGONO GLI ITALIANI A LASCIARE L’ITALIA

Io vorrei anche parlarvi di quel fenomeno che avviene ogni estate. Quando noi italiani all’estero facciamo calcoli impensabili per sfruttare piú giorni festivi e passare fino all’ultimo secondo a casa. Quando era mio padre a voler passare per forza l’estate in Puglia da sua madre, I suoi fratelli ammetto che sicuramente la mia giovane età non lo capivo. Questo week end, mio marito con la scusa dei bambini e del mio compleanno mi ha portato a sorpresa a Venezia. Cosi io ho visitato una bellissima città dove non ero mai stata e lui ha riabbracciato il fratello che qui vive da quando ha 19 anni. Io ho sempre ammirato le persone che si sono rimbaccate le maniche per inseguire I propri sogni anche se a volte distanti da casa.

Quali sono I motivi che spingono gli italiani a lasciare l’Italia?e se iniziassimo dagli studi?


Prima di tutto, parti per 5 giusti motivi?

Impara una lingua straniera, perché essere bilingue sembra essere una necessità in questi giorni. E quale modo migliore per imparare una lingua straniera dell’immersione totale? La pratica continua di una lingua con madrelingua è il modo migliore per padroneggiarla. Grazie ai tuoi studi, potresti persino avere un vocabolario tecnico specifico per un campo di competenza (gestione, finanza, comunicazione, ecc.). Una risorsa inestimabile per i reclutatori. Oltre al vantaggio professionale, padroneggiare altre lingue ti permetterà di fare amicizia più facilmente e, perché no, di stabilirti in campagna più tardi! Ma non lasciarti ingannare, anche sul posto ci vuole tempo per diventare multilingue. Consentire almeno tre mesi per una buona padronanza della lingua. Un soggiorno di un anno è ovviamente l’ideale.

I motivi che spingono gli italiani a lasciare l’Italia


Scopri una nuova cultura anche se la globalizzazione ha uniformato la maggior parte delle culture, ma non completamente! Ognuno mantiene le sue specificità. Può poi essere interessante scoprire altri modi di vivere, questo ti darà una maggiore apertura mentale. Scoprirai che ci sono diversi modi di pensare e guardare le cose. Grazie a una mente acuta e critica, ora avrai punti di confronto per giudicare gli eventi a casa o altrove.

Soddisfazione personale garantita

Lasciato da solo, questo viaggio in una terra sconosciuta ti darà maturità. Senza i tuoi cari, dovrai badare a te stesso. Un’esperienza unica per acquisire fiducia in se stessi! Imparerai così a conoscerti meglio ma anche ad aprirti agli altri. Forte dei tuoi numerosi incontri e della tua nuova intraprendenza, tornerai trasformato.

Impara in modo diverso

I metodi di insegnamento non sono gli stessi altrove che qui, a casa! Dovrai adattarti a un ambiente di apprendimento in cui le regole sono diverse. Ad esempio, nei paesi anglosassoni, gli insegnanti incoraggiano la riflessione personale nella restituzione delle lezioni. Allo stesso modo, i compiti non sono scritti a mano ma tutti digitati al computer, proprio come nella vita professionale! Se vieni accettato in una scuola straniera, di solito significa che sei un bravo studente. In effetti, la selezione è più spesso effettuata su file e in base alla motivazione visualizzata.

Promuovi il tuo CV

L’obiettivo finale di studiare all’estero è mostrare la tua istruzione. In questa era di globalizzazione, una carriera internazionale ha più valore per il reclutatore. Dimostra che sei autonomo, di mentalità aperta con una certa curiosità intellettuale. Vivere fuori dall’Italia significa anche dover mostrare ingegno e adattamento. Qualità molto ricercate nel mondo del lavoro. Inoltre, questa esperienza all’estero sarà un modo per differenziarti dagli altri e trovare più facilmente il tuo posto nel mercato del lavoro. Non dimenticare di inserirlo nel tuo CV!

Certo ci vuole una cultura molto aperta già presente in famiglia. Perché se la persona non é preddisposta a una certa apertura mentale non lascerà mai l’Italia neanche per studiare. Io credo che dobbiamo darci tutti una possibilità e vivere la nostra vita cercando di realizzare I nostri obiettivi senza abbandonare mai.

SEGUI DISTANTI MA UNITE

Non dimenticarti di seguire le nostre pagine social Facebook e Instagram.
Se ti è piaciuto l’articolo lascia qui di seguito il tuo commento e partecipa al nostro sondaggio, perché: La tua opinione conta.

Anna Piccolomini

Come si chiama mamma? Piccolomini Anna Grassa o magra ? Grassa Bassa o alta?alta Cosa le piace mangiare? Pasta e anche un po' di gnocchi Come le piace vestirsi? Bene Quanti anni ha? 3 come me Quale regalo vorresti fare alla mamma? Una macchina telecomandata Chi ama la mamma? Io e non papà Cosa fa la mamma? Sta con me e Leonardo Di cosa ti parla sempre la mamma? Di non dire brutte parole Dove vuoi viaggiare con la mamma? Alla scuola e all'asilo Cosa vuoi fare da grande? Accompagnare un bimbo all'asilo Di cosa ha paura la mamma? Di perdere il bus Cosa le piace alla mamma? Mangiare Cosa fa arrabbiare mamma? Quando lancio le macchine e dico brutte parole Ecco come mi vede mio figlio. Mi descrive di sicuro come una donna sposata con due figli che lotta ogni giorno per lavorare nel sociale. Vivo a Lussemburgo ma sono anche originaria di questo Paese e per metà pugliese. Amo il rosa da sempre e mamma dice che ho una classe innata. Amo osservare e mi lascio andare solo con le persone che amo. La mia prima impressione è sempre quella giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *