Stories d’italiano

Stories d’italiano

La storia è questa. È un martedì qualsiasi, sto scrollando le stories su Instagram e incrocio quelle di uno dei contatti che seguo di più. Una giovane e brillante giornalista italiana che lavora per un’importante redazione. Non ne sbaglia una, inanella successi ed è una figa atomica. Questa combo di gnoccaggine e competenza è deleteria per la mia pallida autostima, cionondimeno la seguo e la apprezzo.

In questo martedì però scorgo, in una delle sue stories, un segno. Il segno utile ad appurare che anche lei è fallibile, insomma umana.

E lo scopro con un errore di sintassi. Non è grave,  e sarebbe passato inosservato se non mi ci fossi già imbattuta in passato e anche in quel caso con una persona che gode smisuratamente della mia stima. 

Bene, vi starete chiedendo: quale sarà mai questo strafalcione? Faccio prima a fare un esempio che a spiegarlo.

Immaginiamo questo botta e risposta:

– Alessandra: “Pensi che io sia intelligente?”

– Mario: “Certo che LA sei”

Mario, nel rispondere, ha declinato al femminile un pronome che la lingua italiana vuole neutro. Quindi la risposta giusta rimane: “Certo che LO sei”.

Ora poso il gesso e mi allontano dalla lavagna.

Perché non è mia intenzione bacchettare nessuno o, per questa inezia, tacciare di ignoranza qualcuno.

Però il meccanismo che si innesca va bloccato o quanto meno riconosciuto. Perché se a sbagliare sono figure di un certo spessore culturale, si finisce per giudicare corretta la forma sbagliata e viceversa. E questo no, non posso accettarlo. Non posso rassegnarmi al fatto che se intrattengo una conversazione con chi fa questo errore, costui pensa che sono io a sbagliare. 

Per evitare questo pasticcio ci sono solo due strade percorribili: o mi metto in cattedra e nel bel mezzo delle chiacchiere gli faccio un ripasso di italiano, o trovo un’alternativa all’incapsulatore (si chiama così il pronome della discordia) e lascio lui nell’ignoranza e me nella frustrazione.

A questo punto la domanda è: cosa hanno in comune i responsabili di questo errore? L’area di provenienza. Sono del nord Italia e questo è un vizio dei dialetti settentrionali, non di tutti, eh, ma di molti.

Ora, figuriamoci se io, che salgo e scendo le cose, sto qui a giudicare le intromissioni del dialetto nella lingua italiana. Ci mancherebbe, sono le benvenute. A patto però che ci sia consapevolezza da parte di tutti. 

Voi la dovete smettere di dire “La sei” e pensare di essere nel giusto. Perché con questa sicumera insinuate il dubbio e la gente poi è costretta ad appellarsi alle istituzioni sacre.

E infatti io ho contattato l’Accademia della Crusca. Odio dire che sono nella ragione. Ma ragazzi, LO sono.

SEGUI DISTANTI MA UNITE! Sulle nostre pagine social: Facebook, TwitterInstagram e Telegram. E partecipa al nostro sondaggio perché La tua opinione conta!

Ivana Figuccio

Sono Ivana, trentabbé anni, siciliana nell'anima e a tavola ma ormai da qualche anno a Milano per amore...del giornalismo. Mangio, bevo e scrivo: spesso simultaneamente. Ma lo faccio anche per lavoro, sia chiaro. Il food&wine è infatti uno dei settori che più si addice alla mia penna e la mia bilancia lo sa bene. Odio correre ma amo guardare gli altri che lo fanno. Non pratico yoga e nemmeno lo yogurt. Lo sport nella mia vita c'è solo per alleggerire i sensi di colpa per i miei peccati di gola. Confesso il mio smodato amore per il cioccolato ma non mi pento. Da buona sicula adoro il mare e il vento di Scirocco. Ma non chiedetemi qual è casa, perché nel mio cuore c'è posto per la sabbia e per la nebbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.