Caso Berrettini, quando è in gioco l’educazione

Caso Berrettini, quando è in gioco l’educazione

Siamo abituati a pensare che il tifo più maleducato sia quello negli stadi di calcio. E invece a Melbourne, gli Australian Open ci hanno dimostrato che, anche in campi senza erba, con una rete e una palla più piccola, si può essere pessimi tifosi. E, quando è in gioco l’educazione, il rischio di perdere qualcosa è per tutti.

Durante l’incontro tra Monfils, tennista francese, e quel bel figliolo che è Matteo Berrettini, qualche supporter francese si è lasciato andare a parole poco lusinghiere nei confronti del campione azzurro.

Il match si conclude con la inaspettata vittoria del tennista italiano e la prevedibile reazione di Matteo che, portandosi il dito all’orecchio, urla “Non sento” in direzione degli irrispettosi spettatori della Rod Laver Arena.

Insomma Berrettini si sa difendere bene dagli attacchi in campo ma è altrettanto impeccabile ad affrontare il tiro mancino che arriva dal pubblico, a volte l’avversario peggiore per un atleta.

In occasioni come questa, sembra facile spiegare il doppio significato del termine “tifo”. Che si parli della malattia infettiva o che ci si riferisca all’entusiastico sostegno sportivo, i sintomi sono gli stessi: offuscamento febbrile della mente, perdita di lucidità.

L’insulto all’avversario prevale sul supporto al proprio idolo. E questa, oltre che uno spreco inutile di energie, mi sembra una dinamica priva di senso e ragionevolezza.

Un comportamento che nega il fair play, dentro e fuori dal campo. Che toglie sacralità allo sport e a certi teatri che lo accolgono. E soprattutto un trattamento che non merita lo sportivo che, pur compiendo a volte imprese titaniche, rimane un ragazzo di 25 anni.

Quella partita Berrettini l’aveva già vinta per educazione e compostezza.

SEGUI DISTANTI MA UNITE! Sulle nostre pagine social: Facebook, TwitterInstagram e Telegram. Iscriviti alla nostra newsletter. E partecipa al nostro sondaggio perché La tua opinione conta!

Ivana Figuccio

Sono Ivana, trentabbé anni, siciliana nell'anima e a tavola ma ormai da qualche anno a Milano per amore...del giornalismo. Mangio, bevo e scrivo: spesso simultaneamente. Ma lo faccio anche per lavoro, sia chiaro. Il food&wine è infatti uno dei settori che più si addice alla mia penna e la mia bilancia lo sa bene. Odio correre ma amo guardare gli altri che lo fanno. Non pratico yoga e nemmeno lo yogurt. Lo sport nella mia vita c'è solo per alleggerire i sensi di colpa per i miei peccati di gola. Confesso il mio smodato amore per il cioccolato ma non mi pento. Da buona sicula adoro il mare e il vento di Scirocco. Ma non chiedetemi qual è casa, perché nel mio cuore c'è posto per la sabbia e per la nebbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.