Sposarsi e traslocare: la mia folle doppietta!

Sposarsi e traslocare: la mia folle doppietta!

Decidere di sposarsi e allo stesso tempo traslocare. Non è uno scherzo, io l’ho fatto (e lo sto facendo) davvero. Una doppietta folle, massacrante, totalizzante, ma anche bellissima. Quando Ale mi ha fatto la proposta, stavamo già cercando casa da qualche mese. Dopo anni di affitto volevamo un appartamento finalmente nostro e così ci siamo messi d’impegno, vedendone un’infinità, fino a trovare quello dei nostri sogni. Nel frattempo, dopo l’anello e fiumi di lacrime, abbiamo cominciato ad organizzare anche le nozze. Una combo che auguro, ma allo stesso tempo non auguro a nessuno.

Diciamo la verità: l’adrenalina che ti pervade è incredibile. Ad una come me, che ama le novità, questi mesi hanno dato una carica pazzesca. Idee su idee, ore trascorse a studiare siti, proposte, alternative, colori, abbinamenti. Pomeriggi di telefonate e poi di appuntamenti con esperti di qualsiasi tipo: wedding planner, architetti, fioristi, operai, stilisti, interior designer. Insomma ho alternato i confetti al tessuto delle tende, l’auto d’epoca ai servizi di pentole, la scelta della Chiesa alla pittura delle pareti, l’emozione dell’abito da sposa a quella della prima volta in cui ho aperto la porta di casa. Ma c’è un ma. Che si chiama “trasloco“. Nulla di peggio nella vita di una persona.

Quante cose (soprattutto inutili) si accumulano nel tempo? Quanti scatoloni si riempiono? Quanta polvere bisogna togliere? Quanta biancheria bisogna risistemare? Il risultato è stato faticare a livelli inimmaginabili. La mia fortuna è stata quella di essermi portata molto avanti sul matrimonio già nei mesi precedenti, così da poter dedicare nelle ultime settimane ogni tipo di energia solo alla casa. E il passaggio da un appartamento all’altro le ha risucchiate tutte. Mi sono sentita sfinita, mi sarei addormentata ovunque e a qualsiasi ora, ed invece ho continuato a preparare scatoloni fino a notte fonda. L’obiettivo era entrare e sistemare tutto prima di Natale: ce l’abbiamo fatta!

E adesso? Beh, tornerò naturalmente a breve ad occuparmi del matrimonio. Molto è stato fatto, molto c’è ancora da fare. E giugno non è poi così lontano! Ma voglio prima prendermi il giusto tempo per fermarmi un attimo, respirare e godermi tutta la bellezza che mi circonda. Assaporando il calore del nostro nuovo nido, del quale sono tanto orgogliosa. In questo senso le feste ci aiutano! L’unico pensiero delle prossime settimane avrà la forma del pandoro. E il profumo della lasagna. Poi da gennaio si ricomincia. Dieta compresa, sennò nel vestito da sposa non ci entro mica eh!

#stilosamentepungente

Segui le nostre pagine social: Facebook, TwitterInstagram e Telegram.

Iscriviti alla nostra newsletter. E partecipa al nostro sondaggio perché La tua opinione conta!

Eleonora Marini

Ciao sono Eleonora, 34 anni, nata e cresciuta a Roma, città che amo follemente e nella quale vivo, anzi convivo, con 1metroed85dimuscoli di nome Alessandro. E con due "coinquilini" bianchi, dalla coda lunga, che fanno le fusa tutto il giorno: Martino e Matilde. Sono una giornalista, amante di ogni forma di comunicazione e creatività, tanto che mi sono sempre divisa tra radio, tv e carta stampata. Per non farmi mancare niente! Assidua frequentatrice di palestra, alterno lo squat alla carbonara, il bilanciere alla bilancia, gli addominali ad un buon calice di vino, in un equilibrio perfetto che oscilla tra "da domani dieta" a "per me un altro tiramisù, grazie". Colleziono tacchi a spillo ma (ormai) vivo con un paio di Converse ai piedi; la mattina mi sveglio a volte Bridget Jones, a volte Carrie Bradshaw, ma comunque bionda e con la voglia di conquistare il mondo. O almeno un caffè alla vaniglia per svegliarmi. Sono innamorata della mia famiglia, del mio fidanzato e dei miei amici. Ma più di tutto dei miei gatti, il re e la regina incontrastati della mia vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.