I testimoni di nozze: parenti o amici?

I testimoni di nozze: parenti o amici?

I testimoni di nozze? Una scelta tutt’altro che facile! Non a caso ho scelto l’immagine di una scacchiera perché questo tema prevede la perfetta disposizione di tutte le pedine affinché nessuno resti scontento. Ho visto finire amicizie per questo. “Ero sicuro scegliessi me!“. “Ma tu guarda chi è andato a scegliere” e giù a musi lunghi che nemmeno quando al black friday ti soffiano da davanti al naso l’ultimo cellulare con il 70% di sconto. Insomma la questione è delicata. Gli interrogativi non finiscono mai. Sarà contento? Gli creo imbarazzo? E se non sa come dirmi di no? Ma cosa penserà Caio, quando vedrà che l’ho proposto a Sempronio? Due maschi o due donne? Coppia mista? Più di due?

Ci siamo ovviamente posti anche noi tutti questi problemi prima di andare al sodo ed inquadrare i nostri testimoni di nozze. In realtà devo ammettere che di dubbi me ne sono venuti pochini perché da sempre ho voluto lei e soltanto lei: mia sorella. Fortuna vuole che io ne abbia una sola così mi sono tolta subito dall’imbarazzo del “perché tu sì e perché tu no“. L’avrei buttata sul comico, basandomi probabilmente sul numero di serate in discoteca condivise da giovani e concluse sui gomiti. Invece l’ho convocata e gliel’ho chiesto, quasi imposto a dire il vero: “Ti vorrei come testimone di nozze”. Inutile raccontarvi quanto sia stata felice, commossa ed emozionata.

La questione è stata abbastanza facile anche per il testimone uomo, ovvero mio cugino. Anche qui il destino ha voluto che io crescessi in una famiglia piuttosto ristretta e lui è l’unico cugino di primo grado. In aggiunta al fatto che dieci, (forse anche dodici) anni fa, anche io sono stata la sua testimone di nozze perciò anche in questo caso non solo mi è sembrato scontato chiederlo a lui, ma mi faceva simbolicamente “piacere” scambiarci i ruoli. Dunque avrò 1 metro e 95 di testimone maschio alla mia sinistra, pronto a passarmi i fazzolettini (non ce lo vedo proprio!) e non solo quelli.

Il consiglio a chi deve ancora scegliere i testimoni di nozze? Fregatevene! Ma altamente eh. Partendo dal presupposto che non potrete mai e poi mai accontentare tutti, basatevi solo sulle vostre sensazioni. Che sia una scelta di pancia, di cuore o di praticità (meglio un testimone di nozze lucido che un piagnucolone, tanto per intenderci) non fatevi condizionare da niente e nessuno. Premuratevi piuttosto di istruirli per benino su tutto quello a cui LORO dovranno pensare quel giorno perché voi sarete troppo impegnate!

Eleonora Marini #stilosamentepungente

SEGUI DISTANTI MA UNITE!

Sulle nostre pagine social  FacebookTwitterInstagram e Telegram.

E iscriviti alla nostra newsletter. Ti aspettiamo!

Eleonora Marini

Ciao sono Eleonora, 34 anni, nata e cresciuta a Roma, città che amo follemente e nella quale vivo, anzi convivo, con 1metroed85dimuscoli di nome Alessandro. E con due "coinquilini" bianchi, dalla coda lunga, che fanno le fusa tutto il giorno: Martino e Matilde. Sono una giornalista, amante di ogni forma di comunicazione e creatività, tanto che mi sono sempre divisa tra radio, tv e carta stampata. Per non farmi mancare niente! Assidua frequentatrice di palestra, alterno lo squat alla carbonara, il bilanciere alla bilancia, gli addominali ad un buon calice di vino, in un equilibrio perfetto che oscilla tra "da domani dieta" a "per me un altro tiramisù, grazie". Colleziono tacchi a spillo ma (ormai) vivo con un paio di Converse ai piedi; la mattina mi sveglio a volte Bridget Jones, a volte Carrie Bradshaw, ma comunque bionda e con la voglia di conquistare il mondo. O almeno un caffè alla vaniglia per svegliarmi. Sono innamorata della mia famiglia, del mio fidanzato e dei miei amici. Ma più di tutto dei miei gatti, il re e la regina incontrastati della mia vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.