La zeppola di San Giuseppe, dalla sua origine alla ricetta tradizionale

La zeppola di San Giuseppe, dalla sua origine alla ricetta tradizionale

A breve sarà il 19 marzo festa del papà e non ditemi che pensando a questo non pensate anche al suo dolce tipico: la zeppola.

Non esistono fonti certe sull’origine del nome “zeppola” si presume che potrebbe derivare dal latino “serpula” (serpe) da qui la forma circolare su se stessa prima della cottura, assomiglia proprio ad un serpente arrotolato.

O dal termine “ceppo” (zeppo) il pezzo di legno che si ardeva proprio in questi giorni nelle piazze per tradizione, il falò di legna che segnava la fine dell’inverno e il benvenuto alle belle stagioni. 

La zeppola ha origine antichissima, c’è chi dice risalga addirittura ai romani in una veste un po’ diversa. 

E chi dice che si chiami “zeppola di San Giuseppe” proprio perché risale alla sacra famiglia, San Giuseppe per mantenere in terra straniera Maria e Gesù nella fuga in Egitto, iniziò a cimentarsi da friggitore ambulante oltre che falegname.

Chi può dirlo se è verità, in ogni caso perché non dedicare al proprio papà nella sua festa un dolce così buono e appetitoso? 

Com’è composta 

La zeppola è composta da una pasta choux, la classica pasta dei bignè fatta da acqua e burro, sale e uova o per i più peccaminosi da olio e strutto.

Da fare al forno o fritta, da farcire con la crema pasticciera e con un’amarena sciroppata come ciliegina sulla torta a rendere molto estetico una bontà già goduriosa di suo.    

Un dolce alla portata di tutti sia per la sua realizzazione che per il suo gusto.

Piacerà proprio a tutti, perché con gli anni ci sono state tante rivisitazioni così da accontentare ogni palato ed è facile da farcire con qualsiasi crema si voglia: all’arancia con qualche scorzetta candita per decorazione o con una crema di ricotta di pecora e pepite di cioccolato, o una crema pasticciera al cioccolato o al limone per i palati più classici. 

Allora basta chiacchiere se ancora non le avete provate, cucinate con me, ecco la mia ricetta. 

Ingredienti per 12 zeppole:

•250ml acqua

•150g burro

•250g farina 00

•un pizzico di sale

•5 uova intere

•un pizzico di sale

Per il procedimento guardate la video ricetta cliccando sul link:

e seguite la mia pagina per altre ricette: https://www.instagram.com › metter…ManuChef (@mettere_a_fuoco) •

Se vi è piaciuto questo articolo potrebbe interessarvi “Tiramisù

Emanuela Impieri

Mi chiamo Emanuela Impieri, sono nata a Roma 34 anni fa. In passato, la mia timidezza mi ha portato a guardare il mondo senza essere guardata, nascosta dietro la macchina da presa, la mia più grande passione. Ho curato la regia e scritto la sceneggiatura di vari cortometraggi per poi approdare alla tv locale romana, prima a "canale 10" poi per undici anni nel reparto tecnico di Retesole essendone anche la responsabile, per arrivare a collaborare con le tv nazionali. Sono stata docente di dieci Master in Giornalismo Radiotelevisivo per Eidos Communication. Mi piace lavorare e far la differenza proprio in quei settori in cui le quote rosa sono latitanti. Ho cambiato tutto per questo lavoro, città, amici, un’intera vita, finché un matrimonio e una bimba hanno rimescolato le carte per rinnovare tutto di nuovo. Per loro mi diletto a “mettere a fuoco” la mia vita sull’altra passione; cucinare, prima che per gli altri diventasse una moda. Perchè “Cucinare è come Amare o ci si abbandona o si rinuncia”. Il mio stile di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.